Cammino tra le righe di un antico pentagramma
dove timida l’onda del mare scrive da millenni
musiche senza tempo.
Un eterno susseguirsi di note d’amore
scritte a un cielo blu come il cobalto
cancellate dalla stessa mano
come le inutili rime di un illuso poeta,
ne ascolto la dolcezza mentre tra le righe
percorro quell’instancabile canto
recitato al cielo
come a un amante irraggiungibile
prima che si dissolva per l’ennesima volta
tra le calde lacrime di un mare d’amare.

Annunci